Novità

Errore medico: definite le distinzioni tra colpa lieve e colpa grave

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Secondo la Cassazione le linee guida sono fondamentali nel determinare il livello della responsabilità medica

La Cassazione infatti ha annullato le condanne inflitte a tre medici accusati di omicidio colposo per il decesso di un paziente sottolineando che è ancora attuale e valida la distinzione tra colpa lieve e colpa grave per imperizia nella fase esecutiva delle raccomandazioni contenute nelle linee guida del Ministero adeguate al caso e che questo può delimitare l'area di irresponsabilità del professionista sanitario.

Le linee guida quindi costituiscono un sapere scientifico e tecnologico codificato e rappresentano un utile parametro per orientare le decisioni terapeutiche e al contempo fornisce anche al medico "la legittima, coerente pretesa a vedere giudicato il proprio comportamento alla stregua delle medesime direttive impostegli"

Per definire pertanto il grado di colpa bisogna tener conto, tra le altre cose, di elementi quali:
- l'imprudenza (azione avventata con esposizione, per sé e per altri, a pericoli),
- la negligenza (omissione di azioni specifiche o senza la necessaria cura o impegno)
- l'imperizia (come nel caso in oggetto: mancanza di abilità e della necessaria esperienza, soprattutto nell’esercizio di una professione)

Se nei casi di imprudenza e negligenza si configura spesso la colpa grave, nei casi di imperizia la valutazione non è sempre oggettiva e deve fare riferimento alle regole codificate nelle linee guida del Ministero

©2019Studio Legale Castagna - Viale Dante, 10 LECCO - Via Boccaccio,15 MILANO P. I. 02887910137 C.F. CSTSVN74D61E507Q Ordine Avvocati Lecco Iscrizione all'albo n. 2089
Privacy e cookies policy | Termini di utilizzo
NetManager