Novità

Un fondo a sostegno dei genitori in difficoltà con il mantenimento

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Tra gli emendamenti approvati al Decreto Sostegni spicca un fondo a sostegno dei genitori separati che faticano a pagare l'assegno di mantenimento ai figli; aiuti fino a 800 euro mensili.


Dopo una lunga nottata di consultazioni, le commissioni Bilancio e Finanze del Senato hanno approvato una lista approfondita di emendamenti al primo Decreto Sostegni; vediamone i punti salienti.

Le misure principali

Oltre ad alcune previsioni in vista dell’estate, come quella di consentire una proroga alla validità dei voucher per viaggi e concerti, è stata ad esempio abolita la prima rata IMU per le imprese che abbiano dichiarato un calo di fatturato superiore al 30%, nonchè un azzeramento del canone Rai per alberghi, bar e ristoranti.

A tal proposito è interessante per chi ha un’attività commerciale apprendere che le concessioni per l’apposizione di tavolini, sedie e verande all’aperto saranno concesse gratuitamente dagli enti pubblici fino alla fine dell’anno in corso.
Ancora, e non solo per questi ultimi soggetti, sono stati stanziati degli appositi fondi.

In particolare il Senato ha dedicato attenzioni a favore di specifiche categorie, tra cui inaspettatamente rientrano anche i genitori separati o divorziati che si trovino in difficoltà economiche.

Infatti, così come con i precedenti provvedimenti di sostegno, con questo ultimo decreto non solo sono stati preventivati dei fondi per le città d'arte, il turismo, i maestri di sci, le start-up, ma per la prima volta è stata disposta una somma ammontante a dieci milioni di euro in favore della famiglia.

Fondo di sostegno per genitori separati in difficoltà

Nello specifico si tratta di uno stanziamento ingente a supporto dei genitori separati e divorziati, i quali si trovano in difficoltà economiche e non riescono a ottemperare al versamento dell’assegno di mantenimento concordato in favore dei figli avuti dalla relazione che si è venuta a concludere.
Una previsione di tal fatta soddisfa non soltanto per l’ammontare del fondo previsto, ma soprattutto per l’accortezza mostrata nei confronti di questa categoria di soggetti, molto spesso bistrattata e malvista dall’opinione pubblica.

Infatti, per quanto non sia particolarmente rinomato alle cronache, nei confronti dei genitori che si rendono inadempienti al mantenimento della prole è ascrivibile, a querela della persona offesa, il reato di cui all’art. 570 c.p., rubricato come violazione degli obblighi di assistenza familiare.
Al di là dell’rilievo penalistico sono numerosissimi i procedimenti esecutivi a cui devono ricorrere gli avvocati matrimonialisti che si occupano di diritto di famiglia e di diritto minorile per ottenere il pagamento dei mantenimenti arretrati spettanti ai propri clienti.

Pertanto, questa novella disposizione introdotta con il decreto sostegni sicuramente andrà ad alleggerire gli animi di molti genitori, siano essi obbligati al versamento dell’assegno o siano essi destinatari del medesimo.
Nel dettaglio la previsione contempla un sostegno pari, nel massimo, all’importo di 800,00 euro mensili per chi si trovasse in difficoltà economiche a causa della pandemia da Covid19.

Inoltre, sempre nell’ottica di privilegiare gli interessi dei minori e, nello specifico, per ridurre i disagi all'attività didattica i Comuni sono tenuti a individuare, entro la metà di luglio, delle sedi ove collocare i seggi della prossima tornata elettorale prevista per l’autunno in alternativa alle aule scolastiche, che in questo ultimo anno sono state notevolmente inutilizzate da chi dovrebbe occuparle in via principale.

Infine, sempre in tema di famiglie e di immobili, è stato prorogato il blocco per le procedure esecutive attivate dal febbraio 2020; di contro è stato confermato lo sblocco a partire dal primo luglio per gli sfratti pre-Covid.

Per approfondire leggi anche:

Ridotto l'assegno di mantenimento per i figli se il reddito è diminuito per il Covid

Dipendente non paga il mantenimento al figlio: ecco quando e come deve farlo il datore di lavoro

Ex marito non adempie all'obbligo di mantenimento nei confronti del figlio: condannato a 4 mesi di reclusione

Scatta il sequestro del TFR all'ex marito che non paga il mantenimento

Se ti è piaciuto questo articolo, resta aggiornato!

Iscriviti per ricevere aggiornamenti su novità e ultime sentenze.
Privacy e Termini di Utilizzo

Gli studi:

LECCO:
Viale Dante, 10
Phone: 0341591913

MILANO:
Via Boccaccio, 15
Phone: 0248005405

Consulenza online

Iscriviti e resta aggiornato!

Iscriviti per ricevere aggiornamenti su novità e ultime sentenze.
Privacy e Termini di Utilizzo
©2021Studio Legale Castagna - Viale Dante, 10 LECCO - Via Boccaccio,15 MILANO P. I. 02887910137 C.F. CSTSVN74D61E507Q Ordine Avvocati Lecco Iscrizione all'albo n. 2089
Privacy e cookies policy | Termini di utilizzo
NetManager