Novità

Corte di Giustizia UE: va rispettato il diritto dei nonni di vedere i nipoti

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Con una recente sentenza anche la Corte di Giustizia Europea ha sancito il diritto dei nonni alle visite nei confronti dei nipoti minorenni in seguito a separazione o divorzio.

Con una interessante sentenza depositata il 31 maggio la Corte è intervenuta a chiarire la nozione di "diritto di visita" fissata nel regolamento n. 2201/2003 sulla competenza, il riconoscimento e l'esecuzione delle decisioni in materia matrimoniale e sulla responsabilità genitoriale (Bruxelles II bis).

A rivolgersi alla Corte Ue è stata la Cassazione bulgara alle prese con una controversia tra una donna, residente in Bulgaria, la quale chiedeva di ottenere il diritto di visita nei confronti del minore, e il suo ex genero residente in Grecia con il figlio.
I giudici bulgari, in primo e secondo grado, si erano dichiarati incompetenti in base al regolamento n. 2201/2003 che, sul diritto di visita, attribuisce la competenza al giudice dello Stato membro in cui il minore ha la residenza abituale.

La Corte Ue è partita dall'esame dell'art. 2 del regolamento che si occupa del diritto di visita, una nozione di carattere ampio, da interpretaretenendo conto del suo carattere letterale, dell'economia generale e degli obiettivi del regolamento in quanto la norma non fissa limiti sotto il profilo soggettivo e pertanto non esclude nessun beneficiario.

Inoltre, nel documento di lavoro preparatorio al regolamento era richiamato il progetto di Convenzione del Consiglio d'Europa sulle relazioni personali riguardanti i minori evidenziando che questi ultimi hanno diritto ad intrattenere relazioni personali non solo con i genitori ma anche con i nonni.

Alla luce dei diversi elementi analizzati, la Corte conclude che il diritto di visita non è collegato all'esercizio della responsabilità genitoriale pertanto, la domanda dei nonni, rientra nell'anbito di applicaizone del regolamento n. 2201/2003 e la competenza va attribuita al giudice dello Stato membro in cui risiede il minore.
In caso contrario, d'altra parte, si avrebbe il rischio di decisioni confliggenti con giudici di più Stati membri che potrebbero rivendicare la propria competenza in base alle norme interne, spesso contrastanti tra loro.

Per approfondire leggi anche:

I nonni possono pretendere le visite dei nipoti?

Quando i nonni devono contribuire al mantenimento dei nipoti?

Adozione mite in favore dei nonni: la pronuncia della Cassazione

Figli lasciati dai nonni: il padre perde l'affidamento


Se ti è piaciuto questo articolo, resta aggiornato!

Iscriviti alla nostra newsletter mensile per ricevere aggiornamenti su novità e ultime sentenze.
Privacy e Termini di Utilizzo

Gli studi:

LECCO:
Viale Dante, 10
Phone: 0341591913

MILANO:
Via Boccaccio, 15
Phone: 0248005405

Consulenza online

Iscriviti e resta aggiornato!

Iscriviti alla nostra newsletter mensile per ricevere aggiornamenti su novità e ultime sentenze.
Privacy e Termini di Utilizzo
©2022Studio Legale Castagna - Viale Dante, 10 LECCO - Via Boccaccio,15 MILANO P. I. 02887910137 C.F. CSTSVN74D61E507Q Ordine Avvocati Lecco Iscrizione all'albo n. 2089
Privacy e cookies policy | Termini di utilizzo