Novità

False notizie sul web, piovono denunce per procurato allarme

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

La situazione di allarmismo e di paura che stiamo vivendo in questo momento a causa del Coronavirus, porta numerosi soggetti a generare ulteriore timore attraverso la diffusione di notizie false, non verificate, che possono integrare il reato di procurato allarme.

È quanto successo, ad esempio, anche nella Stazione di Serino, dove i Carabinieri hanno denunciato due uomini ritenuti responsabili del reato di procurato allarme.
I due sarebbero responsabili della diffusione di notizie false su un “gruppo facebook” seguito da migliaia di persone, circa la presenza nel serinese di un cittadino affetto da “Coronavirus” .
La tempestività delle indagini svolte dai carabinieri ha permesso di mettere il punto, in tempi brevissimi, ad una delicata situazione di ordine e sicurezza pubblica che stava destando grande preoccupazione ai cittadini dell'intera area, oltre a mobilitare inutilmente forze dell'ordine e mezzi di soccorso. 
La stessa situazione si sta verificando anche in molti altri ambiti, prova ne sia che anche le Asl, attraverso un comunicato, si sono dichiarate pronte a denunciare quanti dovessero generare allarme attraverso la diffusione di notizie false.

La fattispecie del “reato di procurato allarme” è prevista e punita dall’art. 658 del Codice Penale ed è configurata come una contravvenzione: “Chiunque, annunziando disastri, infortuni o pericoli inesistenti, suscita allarme presso l’Autorità, o presso enti e persone che esercitano un pubblico servizio, è punito con l’arresto fino a sei mesi o con l’ammenda da 10 euro a cinquecentosedici euro”. Significa che nel momento in cui si diffonde una falsa notizia oppure un falso allarme che facciano scattare le procedure delle autorità per un pericolo, in realtà, inesistente, si incorre nel reato di procurato allarme.

Il bene giuridico tutelato è il corretto funzionamento e il corretto uso della forza pubblica da parte dell’Autorità, potenzialmente sviata da falsi annunci di disastro.

«Ci vuole massima responsabilità in queste ore e una scrupolosa attenzione nella pubblicazione delle notizie per evitare la diffusione di allarmi e psicosi ingiustificate. Mai come in queste ore è necessario evitare la ricerca di facili sensazionalismi che, oltre a comportare la violazione delle norme deontologiche, può configurarsi come ipotesi di reato. Casi eventuali di diffusione di notizie non corrispondenti a verità, anche via social, saranno segnalati al Consiglio di disciplina», così dichiarato anche dal Presidente dell’Ordine dei Giornalisti.

Per approfondire leggi anche:

Facebook: diffamazione aggravata anche per un commento

Istigava a disobbedire al DPCM: denunciato per un commento su Facebook

Se ti è piaciuto questo articolo, resta aggiornato!

Iscriviti alla nostra newsletter mensile per ricevere aggiornamenti su novità e ultime sentenze.
Privacy e Termini di Utilizzo

Gli studi:

LECCO:
Viale Dante, 10
Phone: 0341591913

MILANO:
Via Boccaccio, 15
Phone: 0248005405

Consulenza online

Iscriviti e resta aggiornato!

Iscriviti alla nostra newsletter mensile per ricevere aggiornamenti su novità e ultime sentenze.
Privacy e Termini di Utilizzo
©2022Studio Legale Castagna - Viale Dante, 10 LECCO - Via Boccaccio,15 MILANO P. I. 02887910137 C.F. CSTSVN74D61E507Q Ordine Avvocati Lecco Iscrizione all'albo n. 2089
Privacy e cookies policy | Termini di utilizzo